giovedì 4 ottobre 2007

FREE BURMA


CHE L'URLO DEL SILENZIO POSSA ESSERE ROTTO DAL
CORO DELLE
NOSTRE VOCI.

9 commenti:

Sir Drake ha detto...

Bella!

Gelatoallimon ha detto...

Ci vorrebbe anche in Italia tanto coraggio.

kabalino ha detto...

c'ho provato anch'io a metterla sul blog...ma é tutta roba in inglese, e io l'inglese lo rifuggo...ho provato a farmelo tradurre da google translate...ma lasciamo stare...

aderente ha detto...

ok, sono il 7223!

Mimmo ha detto...

...facciamola sentire la nostra voce...anche se virtuale! ;)

ciao!

gattarandagia ha detto...

uff!

ho cliccato dappertutto su sta pagina, mi si aprivano bandierine e collegamenti e mi sono persa: c' è qualcosa da fare, appelli da firmare, soldi da versare?

non è che potresti spiegarmi, come se avessi cinque anni ...

Galloz ha detto...

volevo solo segnalarti il boicottaggio alla Total, per il probabile coinvolgimento nella dittatura birmana..

Marcello ha detto...

Ma gli autoproclamatisi fautori della libertà e della democrazia, ora che ce ne sarebbe bisogno, perché tacciono? Mah.
Free Burma :)

Cate ha detto...

@sir drake:
Grazie.
;-)

@gelatoallimon:
E tu che aspetti a partecipare?!
:-)

@kaba:
Google traslate parla come tarzan, lo so.
;-)

@vario:
Adesso siamo in 9300, e scommetto che fino a sera saremo più di 10mila!
:-)

@mimmo:
Non è virtuale... io sto cantando sul serio.
:-)

@gattarandagia:
Niente soldi.
Queste sono le istruzioni in italiano.
http://www2.free-burma.org/index_it.php
:-)

@galloz:
Dovremmo boicottare tutti i paesi civili che non hanno mai fatto nulla pur sapendo tutto.
Nessuno è innocente.
Nessuno ha colpa.
Tutti abbiamo colpa.
:-/

@marcello:
No, cavalcheranno l'onda.
Come sempre.
Si prenderanno meriti che non hanno.
:-)