sabato 25 agosto 2007

IL POTERE DI OBI-WAN

Esistono posti in grado di risvegliare il bambino che è in noi.

Ho sempre pensato che per le donne, uno di questi, sia la profumeria.
Perchè il tempo torna indietro, mentre provano intrugli indelebili, creme e polverine glitterate ad oltranza, conciandosi peggio che se avessero piastricciato col fango.

L'uomo in genere aspetta fuori, rassegnato.

I più coraggiosi si avventurano nel reparto profumi,
dove virilmente si spruzzano addosso cinque tipi diversi di eau de toilette.

Cosicchè mentre la femme fatale di turno esce soddisfatta dall'antro infernale, con una marea di campioncini da barattare manco fossero figurine, il povero malcapitato olezza come il mercato del pesce di Pizzo Calabro alla fine della giornata.

Ma la rivincita dei duri è in agguato dietro l'angolo del centro commerciale.
Li chiama a sè come le sirene di Ulisse.
Castorama, Brico io, Faitù, Bricoliamo, sono solo alcuni dei nomi della bestia.
Il peggiore di tutti è OBI.
Sommo Maestro dei Midichlorian fai da te (no Alpitur).

Il negozio in questione tira fuori il lato oscuro di ogni maschio senziente.
Lo riduce come lo scoiattolino de l'Era glaciale nel paradiso delle ghiande.

Basta appostarsi lungo la lisca centrale, quella con tutti gli attrezzi a cinquanta centesimi, per osservare il fenomeno.

Se non ha il carrello, dopo mezz'ora fa esercizi di giocoleria.
Dopo un'ora cerca di mandarti al decathlon a comprare una canadese per il pernottamento.
Poi si sposta al settore cassette degli attrezzi, dove comincia a sognare una stanza intera dove alloggiare tanta grazia.

Se lo guardi senza pensare che è proprio lui,
lo vedi all'età di quattro anni, mentre trasforma, compulsivamente,
un robot in macchinina e poi la macchinina in robot.

Ieri ho cercato di mettermi nei suoi panni.

Ho preso in mano uno svitavvita della Bosch,
glie l'ho puntato contro,
e lui si è fatto uccidere senza colpo ferire.

Forse non aveva ancora trovato il bullone giusto per riparare la spada laser.

15 commenti:

markingegno ha detto...

ahah...
per fortuna non subisco il fascino del meraviglioso mondo del bricolage, ma accuso gli stessi sintomi in posti come euronics, trony, e altri paradisi della tecnologia.

S.B. ha detto...

A me affascina la fauna che si aggira tra gli scaffali di Obi, alla ricerca della vite giusta, del bulloncino.. sarà che io non sono portato per queste cose :-)

Tzugumi ha detto...

Ahem...peccato che il mio si comporti così solo se lo porti in un posto dove vendono videogames....sospiro va :)
PS: allora, il libro? com'era?
PS2: sono tornata....fatevi da parte gente ;)))

Cate ha detto...

@markingegno:
Mediaworld, Euronics, Saturn, Uni Euro.
A Pescara ci sono tutti, anche in svariati doppioni.
Una concentrazione impressionante che può dare dipendenza.

Potremmo organizzare un pellegrinaggio devozionale.
;)

@s.b.:
Il bulloncino esiste...
Solo che casualmente lo hanno finito.
:)

@tzugumi:
Forse mi aspettavo troppo dal libro.
Comunque darò un'altra opportunità a Banana.
Il PS2 è quantomeno inquietante, quando si parla di videogiochi.
:D

D. ha detto...

a me i bricoleur fanno un po' paura, sono un movimento individualista e rivoluzionario. chissà se cambieranno il mondo o il futuro sarà in mano ad un manipolo di artigiani spietati.

blusfumato ha detto...

abbandonami in un euronics e non mi accorgerò nemmeno di essere rimasto solo ^^
Ma non vale però.. vi siete viste nei cestoni di intimissi e calzedonia dove tutto è a 5 euro?
Col sorriso sulle labbra vi tirate pugni in pancia, gomitate, morsi alle orecchie, qualche mossa di wrestling.. per arrivare per prime su quel completo puntato da tutte.. :-)

L'Assassino ha detto...

Dice il saggio: "chi va con lo svitato impara il bricolage".

Cate ha detto...

@d:
Potrebbero cominciare fondando il partito di Art attack, con gianni Muciaccia for president.
:)

@blusfumato:
Quella non conta, è pura lotta per la sopravvivenza della specie.
;)

@l'assassino:
Ma almeno, dopo, i cocci sono suoi?
:-O

Marcello ha detto...

Io di solito torno bambino non nei negozi di bricolage ma in libreria o in negozio di dischi. Della serie, che se entro, non posso uscire se non ho acquistato qualcosa. E' più forte di me. Ma di solito, quando ho accompagnato qualche fidanzata in profumeria, non sono rimasto fuori ad aspettarla, sbuffando, anzi le ho fatto compagnia...

giudaballerino ha detto...

Diceva Yoda: "Difficile da vedere, il Lato Oscuro è." E invece riflettendo sul tuo post ho capito che non è mica poi così difficile ;)
Hai gli elogi sia da parte mia che da parte del vecchio Yoda...

Cate ha detto...

@marcello:
Masochista!
;)

@giudaballerino:
Il lato oscuro è vicino alla cassa, quando con la coda dell'occhio, il fanciullo, non ancora pago di aver opzionato l'intero negozio, cerca un'ultima brugola da aggiungere alla sua collezione.
:)

tam ha detto...

sono un maschio?

le profumerie mi fanno schifo e vado in brodo di giuggiole già sulla soglia del ferramenta di quartiere...

l'immagine di me 'scoiattolino preistorico nel paradiso delle ghiande' mi accompagnerà d'ora in poi nelle future scorribande nel regno del fai-da-te: grazie! E grazie per avermi dato l'idea di portarmi la tenda :)



(uso un solo profumo, al quale sono estremamente fedele - e non è il lubrificante per la catena della moto, nel caso te lo stessi domandando...)

Cate ha detto...

Il brodo di giuggiole, però, lo trovi solo nelle migliori profumerie, al reparto arsenico e vecchi merletti.

Ps: A me piace l'odore della benzina, se ti può consolare.
;D

amaga ha detto...

Io adoro Obi!! Passerei l'intera giornata a farmi spiegare come tinteggiare il soggiorno con la spatoletta o ad attaccare fiori sull'armadio.. peccato che poi quando lo faccio io il risultato non è lo stesso..

Cate ha detto...

Urge corso di sostegno del sucitato Gianni Muciaccia.

In comode uscite settimanali.

Si parte proprio col decoupage dei vasi da notte.
Fffatto?
;)