sabato 1 settembre 2007

JULIA, E LA GRAPPA DELLA FELICITA'

Ho capito.
Basta con gli omini di Autocad.
Che me li sogno pure la notte, ormai.
Oggi vi parlo della mia telenovela preferita.
La telenovela afro-tedesca.
L'eroina, Julia, incontra il suo principe bizzarro durante un safari.
Lui la guarda mentre si dà spontaneamente in pasto ai leoni, ed è subito amore.

Solo che il tizio è ricco.
Ricco da far schifo:
ha una fabbrica di ceramiche rococò di rara bruttezza, in Germania.
E naturalmente una famiglia che al confronto, Pol Pot era un mite filantropo.

La trama si snoda avvincente,
come solo certe produzioni teutoniche sanno fare.
Abbina alla vivacità di Aspettando Godot,
l'originalità di un conto alla rovescia.
Per non parlare degli attori, che il botox ce l'hanno insito nel DNA.
E della sceneggiatura, scorrevole e originale quanto una lista della spesa.

Ma questi sono solo dettagli.

Come non farsi conquistare dalla toccante scena in cui i due progettavano, speranzosi, il fughino romantico?

Julia, orientando lo scucchione sognante verso un tramonto appena accennato all'orizzonte:
"Dimmi che lo faremo, Daniel, dimmi che andremo via, lontano da tutto quest'odio che ci divide."

Daniel: "E andremo dove nessuno saprà chi siamo,
in un paesino così piccolo che d'inverno dovremo andare al paese più vicino per comprare il latte
. "

Inquadratura che sfuma mentre i due sospirano.

Magistrale.

Immaginate la mia gioia ora che ho scoperto che c'è pure
il sito ufficiale .

12 commenti:

Hermans JI ha detto...

Allora cominciamo a dire un due-tremila cose (e mi fermo qui che vado di fretta) ... orbene ... per dunque ... per bacco e per zefiro torna che scuoce ... tu ti sogni gli omini di autocad? ma con il rendering o senza? e per queste due-tremila cose che ti ho scritto non fare l'offesa che il commento è troppo lungo ... anzi prendi appunti... comoda con calma ... poi tra qualche annetto mi rispondi a tono ... che poi ripasso e leggo tutto veloce ... :)

.:.

ps. che "cast" di film !! Peggio di "Angelica" ... La bottiglia immagino è per dimenticare anche il cast...

Hermans JI ha detto...

A proposito di opere abbondantemente insaponate (soap) che vanno rifilando le televisioni nostrane ... una domanda che mi pongo è la seguente ma chi li finanzia? e soprattutto come si fanno a staccare le donne dal televisore? perché più sono pallose e improbabili e loro più le guardano ... si arrovogliano il cervello poi passano tutto il giorno a criticarle ... ma appena è ora della messa in onda ... zac lì davanti ... ritagli di pizza ... e canticchiano pure la sigla ... aiuto !!! passiamo al risciacquo troppo sapone !!

Marcello ha detto...

Ma scusa dove e a che ora trasmettono questo capolavoro? Sicuro di non essertelo sognato post grappam? ;)

blusfumato ha detto...

toglietemi tutto ma.. ma non "Un posto al sole"!! ebbene si, ne sono dipendente ma non dirlo a nessuno ;-p

Cate ha detto...

@hermans ji:
Direi che li conto per addormentarmi, gli omini di autocad.

La bottiglia è per puro spirito.

Il cast in questione va bene per una pubblicità regresso, al massimo...

Le soap si finanziano coi buoni sentimenti, ovviamente. ;)

Non esiste modo per distogliere una soap addicted: è clinicamente testato che durante la trasmisione in esame, il suo encefalogramma risulta piatto.
Soddisfatto?
;D

@marcello:
Su raiuno dopo il tg, dal lunedì al venerdì.
Ma sul serio vuoi vederlo?!
:O

@blusfumato:
Allora adorerai anche Julia!
(Non ci credere: la mia è pubblicità ingannevole)
:)

Hermans JI ha detto...

Mi hai dato un suggerimento ... apro una casa produttrice di saponette sulle quali sono incise alcuni stralci delle puntate di una mega soap di mia invenzione... vediamo ... ci penso ... un due e tre stalla !! ... ehm ... ? qualcosa non torna? era stella mi pare ...vabbé tanto ormai sono scappati i buoi :) ... allora il titolo è ... the winner is ... "belli dentro e soprattutto lavati fuori" ... bello è? e su ogni saponetta saranno riportate cose tipo "stanca di reggere il moccolo ad Andrea... Samantha chiese a Nicola di accompagnarla a casa ma durante il tragitto i due scoprirono una forte passione... nel frattempo Pasquale di ritorno da un viaggio di affari in provincia trova la serratura della porta cambiata ... e sente strani ed equivoci rumori provenire da dietro la porta (continua sulla saponetta al muschio selvatico)" .

Che dici? ci mettiamo in società? salviamo le femmine e miglioriamo l'igiene?

.:. hermansji

Gelatoallimon ha detto...

Aveva ragione la mamma. Non dovevo buttare via i topolini. Li puoi sempre leggere se in tv non c'é niente...

Cate ha detto...

@hermans ji:
Non credo che un sapone del genere andrebbe ad aumentare l'igiene delle soap operate...
Temo che li collezionerebbero.
0_O

@gelatoallimon:
Chiamerò la protezione animali.
Come si fa a scrivere su un povero topolino indifeso?
:-(

giudaballerino ha detto...

Dai! Veramente mandano in onda una cosa del genere su raiuno? Ma è strepitoso! Altro che stracult! Già me la vedo sta serie, fra qualche anno, in una retrospettiva trash organizzata da Quentin Tarantino ;)

Cate ha detto...

Queste sono sodisfazioni che solo il trash involontario sa dare.
;)

amaga ha detto...

ma poi se ne vanno?
e l'odio svanisce?
e il latte dove lo comprano?
non posso resistere senza saperlo...

Cate ha detto...

No, cambiare ancora location, dopo l'africa, avrebbe mandato in rosso il budget.
Lei lo lascia per salvarlo dal cattivo di turno.
In compenso diventa designer per la di lui fabbrica di ceramiche, sviluppando una linea chiamata "della rosa canina".
Il latte viene munto direttamente dalle ginocchia degli spettatori.

E' non finisce qui.
:D